Lorenzo Morganti

Articolo:   22 di 174

Biografia

Architetto, laureato con lode, il suo percorso professionale parte nel 2000 dal cantiere dell’Auditorium di Renzo Piano a Roma.

Come primo incarico cura il rinnovo degli interni di una casa patio di Vico Magistretti; progetta asili nido e sviluppa il concept di una catena di centri estetici in Cina e Malesia; coordina il nuovo progetto di lighting design per la chiesa di S. Luca (Gio Ponti).

Collabora a progetti di ricerca del Politecnico di Milano nell’ambito dell’architettura e del design (per Eni e Indesit, tra gli altri) divenendo coinventore di un sistema di piani cottura modulari (brevetto europeo e americano). Ha insegnato presso Domus Academy, FIT di New York e Bocconi e collabora attivamente con la Scuola del Design del Politecnico di Milano, dove è anche docente di Visual Merchandising.

Ha recentemente progettato un allestimento in Triennale e, per Altagamma, l’interior design e il progetto architettonico del nuovo concept store Larte, bar e ristorante in via Manzoni a Milano.
All’attivo ha anche due bei bimbi.

Lorenzo Morganti: fatto a mano

Simulazione di posa.

fatto-a-mano-lorenzo-morganti

“Questa serie propone l’emozione di prodotti ad alta tecnologia industriale fatti a mano. Una grafica singola sempre diversa e di facile posa; un dettaglio pop contemporaneo per un disegno d’insieme classico. Base costante: la mano e il suo tratto. Dai primi segni incisi sulla roccia agli schizzi rinascimentali, fino ai fumetti, la storia prima, l’arte, la cultura pop e il design oggi, hanno sempre trasferito il pensiero umano e la sua progettualità attraverso i disegni. La mano esprime un pensiero col tratto e, per suo tramite, anche un’estetica. Il valore del tratto non è stato cancellato dall’era digitale che oggi ne amplifica, piuttosto, le potenzialità. La digitalizzazione dei processi produttivi è la radice alla base di questo nuovo artigianato digitale.”

Lorenzo Morganti

Fatto a mano: la candidatura di Lorenzo Morganti per il concorso Create Your Tile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *